HR sta per Hiring Robot



Apocalittici o integrati? Quando Umberto Eco negli anni ‘60 ha utilizzato questa dicotomia per descrivere l’atteggiamento delle persone nei confronti dei mass media non immaginava che sarebbe stata ancora così attuale a distanza di anni. Tuttora l’innovazione tecnologica divide ancora il mondo in due macrogruppi: da un lato chi guarda con fiducia e crede nel progresso tecnologico, dall’altro chi invece ne è spaventato.

Sigle come #AI, #VR, #AR celano la recondita paura dell’uomo di essere sostituto da macchine più intelligenti, veloci ed efficienti di lui. Proprio il timore di perdere il lavoro ha provocato una certa ostilità nei confronti dei #robot, i quali oltre a non essere avversari degli esseri umani, in certi casi possono darci una mano concretamente sia nei lavori pratici che in fase di recruitment.

L’innovazione tecnologica divide ancora il mondo in due macrogruppi: da un lato chi guarda con fiducia e crede nel progresso tecnologico, dall’altro chi invece ne è spaventato

Una vera e propria mano robotica è quella in grado di raccogliere più di 25.000 lamponi al giorno, sperimentata in una fattoria inglese. Il robot utilizza tecniche di #machinelearning per identificare i lamponi maturi e successivamente li raccoglie con le sue tenaglie e li ripone in un cestino vicino. Dalla raccolta di oggetti piccoli come i lamponi alla pulizia delle vetrate dei grattacieli, il sostegno dei robot non conosce barriere fisiche: l’altezza infatti non è un problema per Ozmo, il robot intelligente in grado di pulire le finestre di un grattacielo, sviluppato da una startup israeliana.

Proprio come gli umani, Ozmo, posizionato su piattaforme sospese, usa le sue braccia e i suoi pennelli per pulire i vetri dell’edificio e, grazie a una mappa 3D della superficie dell'edificio programmata nel suo sistema, riesce a muoversi abilmente fra sporgenze, dossi o altri ostacoli.

Ozmo dovrebbe essere molto più efficiente delle sue controparti umane, se attualmente sono necessarie tre persone per pulire le finestre di un edificio verticale di vetro a 40 piani, il robot eseguirà da solo il lavoro in sole 80 ore. Eppure, non sostituirà i lavoratori umani, ma renderà il loro lavoro più sicuro e probabilmente più redditizio: in questo modo gli uomini potranno supervisionare e controllare l'operazione a distanza, senza correre alcun rischio.

Ozmo non sostituirà i lavoratori umani, ma renderà il loro lavoro più sicuro e probabilmente più redditizio

Il supporto in attività lavorative logoranti e pericolose per l’uomo non è l’unico che viene fornito dall’ #intelligenzaartificiale: in fase di selezione del personale, può accadere che alcuni pregiudizi umani intervengano e alterino il giudizio sul candidato. Per evitarlo, l’AI può intervenire e rendere più equo il processo di recruitment. È accaduto a Stoccolma, dove il robot Tengai è stato utilizzato per reclutare un coordinatore strategico digitale. Tengai è costruita con software impostati in modo da tenere conto delle esigenze di inclusione e diversità, eseguendo interviste cieche volte a valutare le soft skills e i tratti della personalità del candidato, e tralasciando informazioni poco utili in fase di assunzione come l'età, il sesso, l'abbigliamento e l'aspetto fisico. Tengai utilizza il metodo dell’intervista per valutare come i candidati rispondono in determinate situazioni, testando la loro abilità di problem solving.

In fase di selezione del personale, può accadere che alcuni pregiudizi umani intervengano e alterino il giudizio sul candidato. Per evitarlo, l’AI può intervenire e rendere più equo il processo di recruitment

Anche una nota società di software di recruiting sta utilizzando un #algoritmo in grado di analizzare i dati facciali e vocali dei candidati durante le chiamate di screening automatizzate per prevedere meglio l’adeguatezza del candidato.


In un campo di lamponi come su un ponteggio di un grattacielo, i robot confermano la loro potenza e presenza nello svolgere mansioni faticose e potenzialmente rischiose per la vita degli uomini; d’altro canto, li troveremo sempre più dall’altra parte della scrivania come validi strumenti per le nuove assunzioni - sperando che ci ritengano abbastanza intelligenti da assumerci.

© Vetrya 2019 - All Rights Reserved

  • Facebook - Black Circle
  • LinkedIn - Black Circle
  • Twitter - Black Circle
  • Instagram - Black Circle